FILO DI ALLUMINIO

Descrizione generale

Il filo di alluminio smaltato è usato principalmente come conduttore elettrico per bobine in movimento. A seguito della bassa densita' dell'alluminio il peso della bobina puo' essere ridotto a un terzo di una equivalente bobina in rame. Questo vantaggio del filo smaltato di alluminio permette una maggiore accelerazione dei componenti in movimento,  contribuendo a un incremento delle prestazioni come la riduzione dei tempi di accesso negli hard disk e migliora la qualita' del suono e la sensibilita' degli altoparlanti e delle bobine vocali. Per queste applicazioni generalmente sono impiegati fili in alluminio autocementanti. I fili in alluminio smaltato sono disponibili nei diametri da 0,030mm a 0,500mm (AWG 24-48) con tutti i tipi di smalti isolanti e autocementanti. Tutti i fili di alluminio sono conformi alle norme EN AW-1350A (E-AI) per impiego nella industria elettrica e sono garantiti per soddisfare i requisiti di conduttività. Oltre ai fili di alluminio smaltati Elektrisola produce fili di alluminio nudi da 0,030mm a 0,500mm.

Caratteristiche

  • La bassa densita' permette la riduzione del peso della bobina
  • Rapida dissipazione del calore

Applicazioni

  • Bobine per Hard disk
  • Bobine per il suono (esempio per le cuffie)
  • Altoparlanti per alta' fedelta'
  • Riscaldatori a induzione
  • Altro

Valori tipici

CuAlCCA10%CCA15%HTCCA
% di rame in volume[%]1000101515
Densità[kg/dm³]8.92.73.33.633.63
Conduttività (IACS)[%]10062656762
Conduttività[S*m/mm²]58.535.8537.7039.1536
Resistività[Ohm*mm²/m]0.01710.02790.02670.02560.0278
Saldabilità[-]buonanon saldabile convenzionalmentebuonabuonabuona
Resistenza a rottura[N/mm²]220-270120-140120-190150-230180-260

Saldatura del filo di alluminio

L'alluminio è saldabile ma vi sono diversi parametri critici che devono essere tenuti sotto stretto controllo. Il tenace ossido di alluminio rende difficoltosa la saldatura convenzionale. Il flussante deve essere impiegato per prevenire la rapida formazione dello strato di ossido che è difficile da rimuovere. L'ossido di alluminio è difficile da rimuovere rispetto all'ossido di rame per l'elevata temperatura di fusione di 2030°C rispetto ai 660°C dell'alluminio puro, e per l'elevata resistenza alla corrosione; per questa ragione sono richiesti forti flussanti come l'organico basato all'amina (fino a 285°C), o quello inorganico come per esempio il sodio idrossido (fino a 400°C). Per scalfire lo strato di ossido e bagnare l'alluminio senza l'uso del flussante si puo' anche usare il pozzetto di stagno a ultrasuoni.